Frances Hardinge, vincitrice del Costa Book Award con L’albero delle bugie, scrive un romanzo magnetico in cui una storia di fantasmi si fonde con una scrittura potente e ipnotica.

In una notte cupa e fredda, Makepeace viene costretta a dormire nella gelida cappella di un cimitero: lì nessuno potrà sentirla gridare terrorizzata. Lei è molto diversa dalle ragazze che, nell’Inghilterra della metà del Seicento, vivono nel suo villaggio. Makepeace ha un dono, che è anche una maledizione: può accogliere gli spiriti dei morti che vagano alla ricerca di un nuovo corpo. E una sera, per la prima volta, è il fantasma di un orso a trovare rifugio dentro di lei. Quando intorno scoppia la guerra civile e Makepeace viene rapita da una famiglia nobile misteriosa, l’orso diventa l’unico amico di cui può fidarsi. Insieme potrebbero cambiare le sorti del conflitto. Ma altri spiriti malvagi e potenti vorrebbero piegarla alla loro crudele volontà, per annientare il Re e sconvolgere tutta l’Inghilterra.

L’AUTRICE
Frances Hardinge è nata nel 1973 e ha passato la sua infanzia in una vecchia casa nelle campagne del Kent. Ha studiato letteratura all’Università di Oxford e ha cominciato la sua carriera dopo aver vinto il premio di una rivista. Ora vive a Londra e si dedica alla scrittura a tempo pieno. Adora indossare vestiti vintage.
Fra le sue opere vi sono “L’albero delle bugie”, vincitore del Costa Book Award, uno dei più importanti premi inglesi, “Una ragazza senza ricordi” e “La voce delle ombre” (www.fantasymagazine.it/29120/la-voce-delle-ombre).

 

5 commenti su ““LA VOCE DELLE OMBRE”, UNA STORIA DI FANTASMI”

Lascia un commento